(ri)tornare da turista



Ho deciso di ritornare nel mio paese d'origine da turista. Rivedere piazze, vicoli, palazzi, statue con una nuova prospettiva mi ha fatto capire una cosa: non conosco la “mia” Arpino.


Quanti di noi hanno la presunzione di conoscere i luoghi in cui abbiamo trascorso l'infanzia o la vita? Quanti ignorano che il rapporto con ciò che ci circonda è spesso superficiale?

Io mi sono fatto coraggio, ho messo da parte la mia presunzione e sono partito alla (ri)scoperta del mio paese d'origine.




Ho iniziato il tour dalla piazza del paese, un tempo il luogo da me più frequentato dopo casa di mio padre. Ero in compagnia di mia moglie, di un paio di amici e della guida - si ho anche pagato una guida a casa mia - .

Ho passeggiato nei vicoli scoprendo dettagli che mai avrei notato: palazzi ricchi di storie familiari, statue di figli illustri, vie romane... Mi sono stupito di quanti dettagli ho lasciato alle spalle senza che me ne accorgessi, dettagli che sono sempre stati in quei luoghi dove da bambino giocavo in compagnia di amici e parenti.





Quando ho scoperto posti nuovi, a pochi metri da casa, ero incredulo: ruscelli e cascate, ponti romani e medievali, incantevoli grotte esplorabili.

Sono tornato nel mio paese da turista e ho scoperto di non averci mai vissuto.







141 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il tuo modulo è stato inviato!